Le Basiliche Patriarcali Maggiori

CITTÀ E BORGHI > ROMA

Le Basiliche Patriarcali Maggiori

 

SANTA MARIA MAGGIORE
La basilica dedicata alla Vergine, costruita nel V secolo d.C., conserva al suo interno meravigliosi mosaici risalenti alla sua fondazione con episodi della Bibbia e dell’infanzia di Gesù. Il soffitto venne creato dall’architetto Sangallo con il primo oro che Cristoforo Colombo portò dalle Americhe. La Cappella Paolina, vero Santuario Mariano, contiene l’Icona della Madonna Salus Populi Romani, gli affreschi sono stati eseguiti dai più importanti pittori del XVII sec. Nella Confessione, in una teca di cristallo, le reliquie della culla di Gesù e, vicino, quelle di San Gerolamo.

SAN GIOVANNI IN LATERANO
La prima basilica cristiana della Città e del Mondo, edificata dall’imperatore Costantino e sede del Vescovo di Roma; fu restaurata da Borromini per il giubileo del 1650, lo splendido ciborio gotico di Giovanni di Stefano contiene, in due reliquiari, le teste di San Pietro e di San Paolo. L’affresco che celebra il primo giubileo del 1300 di scuola giottesca, la cappella Corsini, lo splendido mosaico dell’abside, il chiostro sono solo alcuni dei tesori della Cattedrale di Roma.

SAN PAOLO FUORI LE MURA
La basilica dedicata al primo “Apostolo per Vocazione” fu quasi totalmente ricostruita dopo l’incendio del 1823; offre al visitatore una visione solenne di un antico luogo di culto cristiano. La maestosità, la purezza delle linee architettoniche si coniugano alla bellezza del ciborio di Arnolfo di Cambio, agli antichi mosaici dell’arco trionfale e dell’abside. Famosa è la serie dei ritratti in mosaico dei Pontefici, da Pietro a Francesco: emozionante!

Durata: 3 ore circa

Info

Ti interessa la visita?

Richiedi informazioni per la prenotazione

Contatti